Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Laretina

Portale del Comune di Arezzo

giovedì, 17 Ottobre 2019
Portale Ufficio Stampa Archivio comunicati 2017 “Quer pasticciaccio brutto de via Filzi”
Conferenze stampa

Biblioteca Città di Arezzo: un ricco programma di iniziative

9 ottobre 2019 - ore 12.00 - Sala conferenze via dei Pileati

Progetto di sostegno alle famiglie residenti

30 settembre 2019 - ore 12.00 - Sala Giostra del Saracino di palazzo comunale

Altro…
Attività amministratori

Attività di Giunta

Attività di Consiglio

Archivio attività

Archivio Comunicati

Archivio storico dei comunicati

Archivio comunicati dell'ultimo mese

Archivio comunicati dell'ultimo anno

Esprimi il tuo parere

Il contenuto di questa pagina risponde alle tue aspettative:

Si

No, e ti dico il perchè

 

“Quer pasticciaccio brutto de via Filzi”

Dichiarazione del capogruppo di Arezzo in Comune, Francesco Romizi

La manifestazione organizzata da Liberi e Uguali di Arezzo dinanzi alla futura, a quanto pare, sede dei vigili è riuscita. Ai presenti va tutta la mia solidarietà. E presto dovremo esprimerla anche a ufficiali e agenti, piazzati in un imbuto di strada, a senso unico e in direzione opposta peraltro a via Masaccio, dove è l’ingresso principale di uno dei luoghi per i quali questa amministrazione sbandiera, a voce, la sicurezza: il parco del Pionta. Quindi una pattuglia per recarsi là in auto dovrà imboccare via Vittorio Veneto. È così che si risparmia il tempo.

Senza considerare il denaro pubblico che sarebbe risparmiato se, anziché su un edificio privato in via Filzi, la scelta cadesse sugli immobili di via Tagliamento di proprietà comunale. Quindi, diseconomie di scala, vantaggi a un soggetto privato e il sospetto che per via Tagliamento ci sia qualche altra idea da finanza e ingegneria creative.

Detto questo, subentrano altri aspetti che attengono, oltre che al merito, alla correttezza dei rapporti istituzionali: la discussione preliminare che il Consiglio Comunale avrebbe dovuto fare sulla questione, parole del sindaco, che fine ha fatto? Perché nell’ultima seduta del Consiglio Comunale i consiglieri di maggioranza se ne sono andati e non si è fatta chiarezza sulle voci secondo le quali un incarico progettuale a un tecnico sarebbe stato già dato? Immagino che anche questo tecnico, legittimamente, non lavori gratis.

Azioni sul documento

Realizzato con Plone®

2011 © Comune di Arezzo